Grande partecipazione all’evento finale de “La classe non è acqua”

NAPOLI – Il Modavi Onlus ha chiuso il suo progetto “La classe non è acqua” con un evento all’ITC Enrico Caruso. Prima dell’inizio dell’evento, all’ingresso dell’aula magna è stato allestita una piccola mostra dei lavori realizzati dai ragazzi coinvolti nel progetto. In maniera sintetica e lineare alcuni di loro ne hanno spiegato il senso a professori e visitatori, orgogliosi del significato dato a ciascun lavoro. Il preside Vittorio Delle Donne ha accolto parte degli studenti che hanno partecipato alle attività e all’evento, il quale è stato moderato dalla dottoressa Sabina Garofalo, psicologa del progetto. La dottoressa Elisa Onorati, responsabile del coordinamento progettuale del Modavi Onlus ha dato un quadro della situazione di dispersione scolastica nazionale, degli intenti del progetto e delle azioni svolte negli istituti. Le professoresse Maria Salvi e Rachele Di palo dell’ITC Enrico Caruso e dell’ITIS Alessandro Volta hanno condiviso il cammino fatto con lo staff Modavi durante i mesi in cui si sono svolte le attività. In particolare hanno lanciato un messaggio importante, cioè quanto sia bello e produttivo creare gruppo tra professori, studenti e associazioni. La condivisione, il dialogo sono strumenti forti che fanno crescere e rendono ragazzi ed adulti migliori. All’evento ha dato un grande contributo la dottoressa Cristina Chiappara, psicologa della casa circondariale di Poggioreale, la quale ha fortemente motivato i ragazzi a terminare il percorso di studi e a investire su se stessi per un futuro migliore. Il Presidente del Modavi Napoli, Alessandro Sansoni, ha espresso quanto l’associazione sia impegnata sul territorio e quanto sia stato impegnativo e importante “La classe non è acqua” per i ragazzi coinvolti. In conclusione, è stato molto sentito l’intervento delle dottoressa Luisa Merone, presidente della commissione Pari Opportunità del comune di Sant’Anastasia, la quale ha spinto i ragazzi a “non farsi mai tarpare le ali”dalle situazioni che la vita ci presenta.

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo con chi vuoi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *